Premiate le chiese metodiste in Italia

Da riforma

lI prestigioso World Methodist Peace Award attribuito dal Consiglio mondiale metodista, nel 2017 viene assegnato all’Opcemi

Un prestigioso riconoscimento per l’Opcemi, l’Opera per le chiese metodiste in Italia. Il World Methodist Peace Award, il premio per la Pace assegnato dal Consiglio mondiale metodista, è stato infatti attribuito per quel che riguarda il 2017 alle chiese metodiste del nostro paese, scelte per «l’impegno e il lavoro a fianco di migranti e rifugiati, a partire dal 1989. Questa piccola chiesa ha mostrato grande coraggio di fronte alla crisi di donne, uomini e bambini che giungono in Europa da varie parti del mondo. Quando molti hanno affermato che i problemi erano insormontabili, l’atteggiamento dell’Opcemi è stato assai differente e l’impegno è stato grande nel tentare di offrire una risposta. Il lavoro della chiesa ha attraversato i decenni, sono stati accolti migranti da Siria, Iraq, Medio Oriente, Africa, di fede protestante, cattolica e musulmana. L’apertura della “Casa delle culture” a Scicli ha rappresentato uno spazio sicuro e accogliente per gestire la grande meergenza umanitaria di questi anni».

Viene poi indicato il coinvolgimento nel progetto di Mediterranean Hope come coerente prosecuzione di quanto detto sopra, e viene segnalato l’apporto economico derivato dall’otto per mille dell’Unione delle chiese metodiste e valdesi quale ulteriore sforzo promosso, anche attraverso il progetto dei corridoi umanitari.

Il World Methodist Peace Award è stato istituito nel 1976 alla tredicesima Conferenza mondiale metodista di Dublino su proposta di Stanley Leylan, colpito dal racconto del pastore Eric Gallagher relativo alla drammatica situazione del conflitto irlandese. Da qui la decisione si premiare ogni anno chi, singolo o organizzazione, abbia posto il discorso della pace al centro del proprio operato.

,

World Methodist Peace Award Recipients Announced

Da http://worldmethodistcouncil.org/
Two organizations have been chosen to receive the World Methodist Peace Award for 2017. The recipients were chosen at this year’s World Methodist Council Steering Committee meeting held in Rome, Italy. The committee verbalized its desire to present the award to both a Methodist and Non-Methodist recipient, especially during a time when the world needs to hear and see peace-making in action. Both organizations have boldly worked for peace in their respective areas of the world, but have also been instrumental in inspiring others to work for peace globally.
Methodist Churches in Italy (OPCEMI), was chosen for their work with and commitment to migrants and refugees dating back to 1989. This small church (part of the Union of Methodists and Waldensians in Italy) has exhibited great courage when faced with the large crisis of refugees and migrants flooding Europe. When others said the problems were insurmountable, the OPCEMI’s attitude has been that “we could do no other – we could not sit by and let this happen.” A safe and welcoming space called “House of Culture” was created at Scicli in Sicily, which has welcomed refugees and migrants from Syria, Iraq, the Middle East as well as North, Central and West Africa. The church’s work has spanned decades and has welcomed migrants of Protestant, Catholic, and Muslim faiths. Their involvement with Mediterranean Hope has been consistent and has continued despite the increasing wave of arrivals in Italy. The OPCEMI continues its efforts also by financing the humanitarian corridors through the “8 x 1000” office of the Union of the Waldensian and Methodist Churches in Italy.
More information about Methodist Churches in Italy and their projects may be found at www.Metodisti.it and www.mediterraneanhope.com.

Rev. Kristen Brown delivers the message on behalf of the World Methodist Council to Daoud Nassar that his family has been chosen to receive the 2017 World Methodist Peace Award. Photo courtesy Rev. Kristen Brown.
The Nassar Family was chosen for their work with the Tent of Nations which they host on their 100 acre farm located southwest of Bethlehem in a highly disputed area of Palestine controlled by the Israeli Government. The family remains on their land and share their story of peace with guests from around the world. The family is not permitted to develop their farm for agricultural purposes, not having access to power, water, or sewer infrastructure, nor obtain permits for any new buildings. The family has instead come up with creative and sustainable alternatives. Each summer, children from local villages (Christian and Muslim) participate in a summer camp aimed at giving the children freedom and distraction from the surrounding politics, empowering the children with self-confidence so that they can be a part of a better future for Palestine. The family also established the Bent Al-Reef Women’s Centre to empower women with classes in English, computer, art, etc., and encourage them to play a role in shaping society. Each year hundreds of volunteers travel to Palestine and live with the Nassar family and actively engage with working the land, participating and leading programs.
On receiving the news of the award, Daoud Nassar stated, “It was a special moment for all of us to hear that the 2017 Peace Award is going to our family. We are honored to receive this Award. We will continue our struggle for justice with faith, love and hope knowing that we are not left alone. We will also continue to cultivate the land and plant more seeds for a better and peaceful future. Together, we can make a difference.”
More information can be found at www.tentofnations.org.
« Statement on President Trump’s Recognition of Jerusalem as Capital of Israel

,

Le chiese si aprono … anche in cinese

di Giulia Abbati
Nel pomeriggio di domenica 29 ottobre si è tenuto presso le sale comunitarie della Chiesa valdese di via IV Novembre un culto in lingua cinese, il primo di una serie di incontri che dovrebbero ripetersi l’ultima domenica di ogni mese, a turno in via IV Novembre e in via XX settembre. Erano presenti i pastori Joylin Galapon ed Emanuele Fiume, la sinologa e interprete Francesca Agrò e altri 25 partecipan circa, per lo più persone di nazionalità cinese che si sono spostate in Italia per vivere liberamente la fede evangelica e che si sono avvicinate in questi mesi alle nostre comunità.

Questo esperimento vuole rispondere all’urgenza di catechesi, approfondimento biblico e relazione manifestata con entusiasmo da questi fratelli, un bisogno che li porta a partecipare volenterosamente ogni domenica a culti tenuti in una lingua che spesso comprendono ancora in minima parte.

Se il tema biblico della consolazione ritrova tutta la sua centralità di fronte a persone costrette alla lontananza dalla propria casa e dai propri cari, il sermone del pastore Fiume sulle prime parole del profeta Isaia in esilio (Isaia 40,1-8) si è concentrato su tre espressioni della potente ed efficace cace consolazione di Dio per i credenti.

La prima è il suo perdono. Ma in che modo – si è interrogato il gruppo – questo perdono ci raggiunge? Se il tempo dell’ira di Dio è finito, se è finito anche qui per noi, allora perché Dio ha permesso il nostro dolore? L’esegesi ha sottolineato come a questa domanda Gesù risponda con le beatitudini: non quindi con una spiegazione, ma con una promessa.

La seconda è la gloria di Dio, che sopravvive a qualunque gloria umana e la vince – considerazione questa che assumeva una portata tanto più concreta pronunciata nella suggestiva cornice delle nostre sale comunitarie, con vista sulle rovine di quello che fu il più grande impero dell’Occidente, e di fronte a persone provenienti dalla più promettente superpotenza mondiale.

Il terzo aspetto è la Parola di Dio, che dona una speranza certa nella vittoria del Signore per noi e una prospetti va totalmente altra da cui osservare la nostra vita. Con Isaia, anche noi sappiamo che “ogni carne è come l’erba” – la carne di chi ci fa del male e anche la nostra carne – ma che noi siamo coinvolti in un collegamento forte con la parola eterna di Dio.

È seguito un momento di preghiera guidato dalla pastora Joylin Galapon, che ha rivolto un ringraziamento al Signore per la sua parola e per il senso che essa riesce ad assumere ogni giorno nelle nostre vite, portando tutte le volte un’autentica consolazione, un insegnamento su come vivere l’accoglienza reciproca, un richiamo al fatto che non siamo mai soli, perché in Cristo l’altro fa parte di noi: “noi siamo il prossimo quando ci incontriamo”.

Il culto, cui ho avuto il privilegio di assistere, è stato segnato da un’atmosfera concentrata e commossa. Di questo, gran parte del merito va a Francesca Agrò, che – per citare e lasciare per iscritto la frase con cui è stata presentata in apertura del culto e che lei nella sua modestia si è rifiutata di tradurre – “ha permesso che questo nostro incontro fosse una Pentecoste e non una Babele”. Le facciamo un ringraziamento grandissimo.

 

你们的神说:“你们要安慰,安慰我的百姓! Consolate, consolate il mio popolo, dice il vostro Dio. (Isaia 40,1)

Avvento e Natale: tempi di equilibrio e armonia

Torre Pellice, 28 novembre 2017

Uno dei simboli più suggestivi dell’Avvento è la corona con quattro candele. Nelle usanze liturgiche della maggior parte delle chiese cristiane d’occidente ad ogni candela corrisponde una domenica. Così la prima candela – che quest’anno sarà accesa il 3 dicembre – segna anche l’inizio del nuovo anno liturgico. È una scansione del tempo diversa da quella delle nostre agende personali o professionali.

A guardarci intorno sembra che l’Avvento sia iniziato già negli ultimi giorni di ottobre. Un “avvento” dei grandi centri commerciali che spinge ad acquistare regali e a riempire, in anticipo, la dispensa, la cantina e il frigorifero. Così l’avvento commerciale diventa un tempo dell’attesa assai frenetica e perde la sua dimensione principale, quella dell’annuncio della salvezza. Il significato letterale dell’Avvento non è esattamente “attesa” bensì “venuta”. L’annuncio della salvezza che viene in mezzo a noi è dunque il suo filo conduttore.

Le letture bibliche e la liturgia cristiana in questi giorni annunciano la potenza luminosa del nostro Dio, l’alba nuova dell’umanità e la scomparsa di ogni forma di ingiustizia. Non si tratta di effimeri annunci pubblicitari o di antidepressivi a basso costo. Sono parole capaci di operare oggi un rinnovamento veramente profondo.

Molte chiese evangeliche, sorte nella seconda metà dell’Ottocento o nei primi del Novecento, rifiutano tuttavia la celebrazione sia dell’Avvento sia del Natale. La ragione sarebbe quella che Gesù non è nato il 25 dicembre e quindi tale data non è altro che la festa pagana del Sol Invictus. Che Gesù non sia nato il 25 dicembre è un’ipotesi storica abbastanza accreditata nel mondo accademico. Tuttavia la celebrazione della sua nascita quasi in coincidenza con il solstizio d’inverno è una scelta fortemente simbolica. Come la luce rinasce, inizialmente impercettibile ma già efficace, così l’incarnazione del Figlio di Dio inaugura la nuova era dell’umanità sin dalla sua manifestazione storica, vale a dire sin dalla sua nascita. Le prime notizie di feste cristiane per celebrare la nascita di Gesù risalgono infatti all’anno 200 circa. Ad esempio già nel 204 Ippolito di Roma, uno dei più autorevoli teologi della chiesa antica, propone il 25 dicembre come data per la celebrazione della nascita di Gesù.

La principale ragione di celebrare la nascita di Gesù e di farlo proprio in questo periodo è però di carattere biblico e teologico. Si tratta di affermare che nella persona del Figlio di Dio che Gesù incarna la natura umana e quella divina sono pienamente e perfettamente unite. È un antidoto a tutte le dottrine sbilanciate o sulla sua divinità (docetismo) o sulla sua umanità (adozionismo). I due racconti espliciti della nascita di Gesù (Matteo e Giovanni) somministrano molto efficacemente questo antidoto per creare uno stato di equilibrio dottrinale. Intorno al 25 dicembre, infatti, tutto sembra squilibrato sul versante delle tenebre. La luce di Natale invece traccia un percorso in cui le tenebre saranno inevitabilmente sconfitte (ma non del tutto eliminate).

In questa prospettiva il Natale potrebbe essere considerato una festa dell’equilibrio e dell’armonia. Nella nostra realtà, così segnata da squilibri di ogni genere, Colui che Amore si fa partecipe delle nostre ansie e delle nostre incertezze per trasformarle in una speranza incrollabile che rende stabile ogni cosa.

Mondo e Religioni – Incontriamo le religioni del mondo

Dal 7 al 9 dicembre nello spazio della “Città dell’Altra Economia”, a Testaccio, si svolgerà la prima edizione di “Mondo e Religioni – Incontriamo le religioni del mondo. Una festa di musica, di incontri, di momenti di spiritualità ecc ecc

L’iniziativa è stata ideate e organizzata da Claudio Paravati, direttore di Confronti, e da Emanuela Claudia Del Re, Coordinatrice nazionale Sezione di Sociologia della Religione dell’AIS, insieme all’organizzazione EPOS.

Una tre giorni per incontrare le religioni presenti in Italia e conoscerle da vicino, attraverso momenti di  festa e  stand, presentazioni di libri, musica e concerti, tavole rotonde, documentari, momenti organizzati dalle varie comunità che hanno aderito all’iniziativa.

Le realtà religiose che hanno aderito alla manifestazione:

Ahmadiyya ∗ Azione Cattolica ∗ Baha’i ∗ Centro Islamico Culturale, Grande Moschea di Roma ∗ Confederazione Islamica ∗ Consulta Chiese Evangeliche di Roma ∗ Focolarini ∗ Fondazione Maitreya ∗ Giovani Musulmani d’Italia (GMI) ∗ Associazione Islamica Imam Mahdi ∗ Unione Induista Italiana (UII) ∗ ISKCON – Hare Krishna ∗ Istituto Samantabhadra ∗ Chiesa Ortodossa di Romania in Italia ∗ Sikh ∗ Soka Gakkai ∗ Stella Del Mattino, Chiesa di Dio Onnipotente ∗ UBI, Unione Buddisti Italiani ∗ UCOII, Unione delle Comunità Islamiche d’Italia.

Qui potete scaricare il programma completo